Integratori per bambini: il magnesio, questo sconosciuto

Alimentazione, attività motoria ed equilibrio psico-fisico sono i pilastri di un corretto approccio allo sviluppo e al benessere dei bambini. E, spesso, non si assicura il regolare apporto di elementi nutritivi che, invece, sono essenziali per una crescita sana. Un chiaro esempio di sottovalutazione è rappresentato dal magnesio che, quando combinato con una dieta equilibrata, attività fisica regolare e un contesto ambientale emotivamente sano, può contribuire a sostenere l’espressione del pieno potenziale di ogni bambino.

Il magnesio è un minerale fondamentale coinvolto in oltre 300 reazioni biochimiche nel corpo umano, inclusi i processi che interessano la formazione e la crescita delle ossa, la contrazione muscolare e la regolazione del sistema nervoso. Nei bambini, in particolare, il magnesio gioca un ruolo determinante anche nello sviluppo cognitivo, ma capita spesso che scelte alimentari limitate o preferenze individuali non garantiscano il sufficiente apporto di magnesio nella dieta quotidiana.  

Pertanto si può, quindi, considerare di iniziare ad usare il magnesio supremo, integrandolo all’alimentazione dei più piccoli, soprattutto quando il loro regime alimentare non includa quantità regolari e sufficienti di frutta secca, verdure a foglia verde, legumi, cereali integrali, pesce e banane. La frutta fresca – le già citate banane, avocado, fichi, datteri, prugne, cocomeri e uva – assicura solo un minimo apporto di magnesio, comunque insufficiente al fabbisogno quotidiano di chiunque e, in particolare, dei bambini. Il magnesio supremo ha come caratteristica principale quella di venire assorbito più rapidamente.

Benvenuto magnesio, ciao ciao osteoporosi

Grazie ai corretti integratori, è possibile colmare questa lacuna nutrizionale, non senza aver comunque consultato prima un pediatra ed aver verificato l’assenza di condizioni avverse o allergie all’assunzione del minerale. Solitamente, se ne sconsiglia l’uso in caso di patologie renali e viene se ne raccomanda un uso sotto supervisione medica in pazienti affetti da patologie cardiache, anemie emolitiche, ipotiroidismo, iperparatiroidismo e diabete. Stabilito che non esistono controindicazioni ed acquisito il parere medico, il suggerimento d’obbligo è scegliere un prodotto di alta qualità, formulato appositamente per bambini e adatto alle loro esigenze.

Gli effetti positivi dell’assunzione regolare di questo sale minerale possono manifestarsi in vari aspetti del benessere in età infantile o pre-adolescenziale. Uno dei più evidenti è il supporto alla salute ossea. Il magnesio lavora in sinergia con altri nutrienti – come il calcio e la vitamina D – supportando attivamente la crescita e la densità ossea durante i primi anni dello sviluppo. Facilitando l’assorbimento del calcio, migliora la mineralizzazione delle ossa e favorisce la formazione di una struttura scheletrica solida. Fungendo da regolatore dell’equilibrio tra formazione e riassorbimento, è proprio al magnesio che si deve la resistenza ossea e la possibilità di prevenire l’osteoporosi in età adulta, contribuendo a mantenere il vigore dell’apparato scheletrico anche a lungo termine.

Sonno, irritabilità e ansia sono altre aree su cui il magnesio è chiamato ad intervenire ed i cui effetti sono particolarmente evidenti durante l’età evolutiva. È, infatti, un naturale regolatore del sonno e agisce anche sui livelli di irritabilità, migliorando la qualità del riposo nei bambini e favorendone un comportamento più rilassato. E poiché, durante i primi anni di vita, si è esposti a molteplici condizioni di stress e di ansia, che possono influenzare il benessere emotivo e comportamentale dei più piccoli, integrare la loro dieta con del magnesio può aiutare a moderare la risposta al cortisolo – l’ormone dello stress –, favorendo un equilibrio psico-fisico più stabile ed una maggiore resilienza dell’intero apparato scheletrico.

Corso Online Montessori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here